Territori di memoria, la fabbrica, la città

1 anno fa
|
Municipio 8
Un racconto a più voci di una singolare compagnia fatta da ex operai, dirigenti e impiegati, artisti, professori universitari e studenti. Un racconto di comunità, perché oltre il lavoro e il lato prodotto, oltre il lato politico ed economico la nostra fabbrica è stata la vita e la passione di una moltitudine. L’ Alfa Romeo Portello è stata per Milano un importante biglietto da visita e anche se oggi non è presente fisicamente, lo è nel ricordo e nella cultura della città.
supporti 30
In attesa

avatar Roberto giulio Stuani

  • Budget Richiesto
  • Minimo:100.000 €
  • Massimo:100.000 €

Descrizione dettagliata

Un racconto open air, svolto su pannelli che illustrano documenti, lavoro, personaggi, eventi sportivi e culturali legati alla fabbrica, dalla sua nascita, attraverso le guerre e la ricostruzione. Un racconto che raccoglie dal passato e dal presente, che parla di simboli, ruote e di pistoni. Si propone inoltre (sul presente) un concorso pubblico sulla seconda rivoluzione dell'umanità, la ruota, da rivolgere ai giovani dell’Accademia di Brera e/o, under 30 per una installazione dal titolo  “La ruota …alla ruota di Nuvolari”

Il racconto, un poco come una caccia al tesoro si sviluppa quasi sull’intera area dell’ex fabbrica Alfa Romeo Portello e precisamente da piazza Gino Valle, attraversa/coinvolge la passerella ciclopedonale Serra e termina in largo Zanuso, utilizzando tutte le strutture stabili presenti.

Milano raccoglie tutti i valori culturali dell'umano lavoro, dove la storia è quotidianamente presente con chi la costruita.

Allegati (4)

Mostra open.jpg

RENDERING

Descrizione

RENDERING

Descrizione

Video presentazione proposta

Nessun commento inserito